Navigazione

 
 Pagina principale
 Archivio
 

 Ricerca

 
 






Festa di S. Antonio Abate 2010

Festa di S. Antonio Abate 2010

Domenica 17 Gennaio 2010

Benedizione solenne degli animali alle ore 10.00

c/o il ns. Santuario.

Tutti sono invitati a pertecipare

con i propri animali.

 

Posted on 15 Jan 2010 by WEBMASTER
Lettera alle famiglie

Nella sezione "Lettere alle famiglie" troviamo la lettera del

Santo Natale 2009

Tanti auguri a tutti!!!!

Posted on 25 Dec 2009 by WEBMASTER
Veglia di preghiera per le vocazioni

Posted on 24 Apr 2009 by WEBMASTER
Santa Pasqua 2009

PASQUA

L'ultima notte

la morte assapora

e poi muore.

La luce traspare ed irrompe

trasforma la tenebra in vita.

Anche oggi per l'uomo

la morte ricade persempre

già vinta dall'unico uomo

che il sepolcro non può trattenere

Egli alla vita appartiene.

     Ho scritto questi pochi versi che mi sembrano davvero poca cosa per descrivere la grandezza della notte "in cui Cristo ha distrutto la morte e dagli inferi risorge vittorioso", come recita il preconio  proclamato all'inizio della veglia pasquale da don Mario.

     Se Cristo ha distrutto la morte non lo ha fatto per farsi grande agli occhi nostri, ma  ha voluto fare questo  perchè la nostra vita possa essere liberata da questa paura.

S. Paolo ci ricorda che "l'uomo vive schiavo della paura che ha della morte... il pungiglione della morte è il peccato...la morte è sconfitta dalla vittoria", quanta verità in queste parole. Se noi crediamo a queste verità e chiediamo aiuto al Signore della vita, possiamo effettevamente sperimentare la gioia di questa liberazione.

     Gesù Cristo è davvero chinato sulle nostre sofferenze, sulle nostre paure ed angosce e desidera che la nostra vita possa vivere nella speranza, vuole condurci per mano e sconfiggere così per noi l'incertezza del nostro domani.

      Questa è la buona notizia che anche in questa Santa Pasqua ci viene consegnata dalla Chiesa. Accogliamola con fede, con la certezza che Cristo è oggi risorto ed è vicino a noi pronto a sostenerci, ad illuminare i nostri passi, a donarci ogni giorno una vita piena di quella speranza che non delude e che il mondo non possiede.

      Vorrei concludere con queste parole del profeta Isaia che ci invita alla preghiera e ad operare nella nostra vita per il bene di chi ci sta intorno.

      " ...allora lo invocherai e il signore ti risponderà, implorerai aiuto ed egli ti dirà: Eccomi! Se toglierai di mezzo a te l'oppressione, il puntare il dito e il parlare empio, se sazierai chi è digiuno, allora brillerà fra le tenebre la tua luce, la tua oscurità sarà come il meriggio..."

      Auguri a tutti di cuore.

                                                          Don Dino

 

 

 

 

Posted on 15 Apr 2009 by Diacono
IL TRIDUO PASQUALE

       Con la Domenica delle Palme siamo entrati nella settimana Santa che San Giovanni Crisostomo definisce anche "autentica" o "grande" perchè: " In essa si sono verificati per noi beni infallibili si è conclusa la lunga guerra, è stata estinta la morte, cancellata la maledizione, rimossa ogni barriera, soppressa la schiavitù del peccato. In essa il Dio della pace ha pacificato ogni cosa, sia in cielo che in terra".

        Gesù il figlio di Dio, il figlio dell'uomo, ha fatto tutto questo per noi. Contempliamolo mentre arriva a Gerusalemme e sa di andare incontro alla morte e quindi tiene ben fissi gli occhi sul  Padre avendo un unico desiderio di compiere fino in fondo la sua volontà e strappare dalla schiavitù del peccato l'uomo, riscattarlo dalla morte non solo fisica ma quella più profonda dell'essere, che causa divisione tra gli altri uomini, sofferenza, e angoscia.

         Cosa dobbiamo fare noi, dopo aver comtemplato quello che Gesù ha fatto e fa per noi ogni giorno e non vanificare così la sua morte?

         Possiamo partecipare innanzitutto ai riti della Settimana Santa, che possono coinvolgerci negli avvenimenti che hanno contrassegnato l'ultimo scorcio della vita di Gesù e stimolarci  a vivere gli stessi sentimenti da Lui vissuti.

         Siamo invitati a celebrare il sacramento della confessione, per essere purificati ed essere pronti ad accogliere il dono dell'alleanza pasquale. Se abbiamo fame e sete di giustizia, di serenità di pace, prepariamoci ad incontrare Gesù, il risorto, nella sua Pasqua.

C'è però qualcosa di più che siamo chiamati a fare, Don Mario lo ricordava anche domenica scorsa nella sua omelia: " Accoglietevi gli uni gli altri" (Rom 15/7).  A questo imperativo fanno seguito le parole di Gesù:"Amatevi gli uni gli altri, come io vi ho amato". Lui darà a noi la possibilità, la forza che a noi manca."E il Dio della speranza", conclude S. Paolo nella sua esortazione," vi riempia di ogni gioia e pace nella fede...per la virtù dello Spirito Santo".

                                                                    Don Dino

Martedì Santo 2009

(testo consultato : "Dalla Croce alla Gloria" Vol II°- Card. C:M:Martini

Posted on 07 Apr 2009 by Diacono
L'amore un valore in crisi?

"Carissimi amiamoci gli uni gli altri perchè l'amore è da Dio: chiunque ama è generato da Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio perchè Dio è amore".(1 Gv.4)

  L'amore nella sua pienezza, l'amore vero, indistruttibile, resistente a tutte le bufere della vita, è stato donato al mondo dal cristianesimo.

E' Cristo che ne ha fatto la ragione della propria esistenza terrena, il centro del suo insegnamento. Lui, l'amore, invita l'uomo a vivere di quest'amore che è il fondanento, la pietra angolare della felicità, della vita eterna, padre e sostegno di tutte le virtù

Lui stendendo lesue braccia sulla croce ha spezzato ciò che impedisce all'uomo di amarsi l'un l'altro, ha reso così possibile l'amore reciproco abbattendo tutte le barriere. Lui che tutti ha considerato suoi figli senza alcuna odiosa distinzione.

L'amore, lo sappiamo bene, edifica le cose buone mentre dall'odio e dal disprezzo altro non nasce che la solitudine, il rancore, la morte dell'essere.

Oggi guardando la situazione della nostra società, dove sembra che sia spesso il male a prevalere sulle attività dell'uomo, dove il futuro si presenta davvero incerto e preoccupante, appare inutile parlare dell'amore; è come parlare di un sogno desiderato, ma irraggiungibile.

Non è così! Non è l'amore che è divenuto privo di valore oggi, è l'uomo, siamo noi che siamo diventati sordi e ciechi all'amore.

L'amore si costruisce ogni giorno e non è mai un'opera completa fino all'ultimo giorno della nostra vita. Dobbiamo imparare ad amare le persone che ci troviamo vicine, che incontriamo  ogni giorno se vogliamo che la nostra vita non perda il suo senso, se desideriamo che veramente il seme dell'amore germogli intorno a noi.

Ma dove possiamo imparare ad amare. A quale scuola possiamo rivolgerci se non all'insegnamento di Cristo, che pagando di persona ci ha mostrato cosa sia il vero amore il cui frutto si è manifestato nell'alba gloriosa della sua resurrezione.

Lui ci ha amato fino a morire: è il suo amore che sana, trasforma, cambia la nostra vita.

Personaggi noti del racconto evangelico ne sono viva testimonianza: Gesù non si rivolge all'opinione pubblica anonima e massiva sperando di ottenere dei consensi, ma al centurione di Cafarnao, a Marta e Maria, al ragazzo di Naim, alla figlia di Giairo, al cieco nato, al lebbroso, a chi è costretto a vivere la prigione di un letto. si è rivolto al singolo, lo ha benedetto e lo ha salvato.

Anche oggi il suo volto, la sua mano è tesa verso ciascuno di noi: ci chiama per nome, ci scruta e ci conosce bene, sa delle nostre necessità; sta a noi incamminarci ogni giorno verso la fonte inesauribile del suo amore perchè ci benedica, ci salvi, ci porti a vivere ogni giorno nella speranza

Posted on 28 Mar 2009 by Diacono
Giornate di solidarietà

Il giorno 3 e 4 Aprile prsso il CARREFOUR verrà fatta una raccolta per le missioni del Brasile e Africa ad opera di Suor Silvia dell'ordine delle Figlie di Maria Missionaria "Suore Missionarie". Verranno offerti ramoscelli di ulivo decorati ad offerta libera.

Venerdì 3 dalle ore 14,00 alle ore 20,00

Sabato 4 dalle ore 08,00 alle ore 20,00

-------oo------

Contiamo sulla generosità di tutti voi.

Grazie

Posted on 24 Mar 2009 by WEBMASTER
CORSO DI PROTEZIONE CIVILE

La Fraternita di Misericordia San Francesco a Massa organizza il 6° corso di Protezione Civile per il conseguimento del brevetto 'WB' Soccorritore Sanitario in situazioni di maxi-emergenzae del brevetto 'G' Operatore per il supporto tecnico alle operazioni di soccorso. Il corso avrà inizio Martedì 24 Marzo 2009, alle ore 21:00 presso la sede sociale di Viale Roma, 33. Le lezioni si terranno, sempre presso la stessa sede, il Martedì e il Venerdì. Per informazioni e/o iscrizioni telefonare al n° 0585/43742 o 349/6392535, dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e dalle ore 16,00 alle ore 18,00. Per approfondimenti:

www.misericordiamassa.it

info@misericordiamassa.it

Posted on 19 Mar 2009 by WEBMASTER
Content Management Powered by CuteNews


© Santuario dei Quercioli 2009 | Realizzazione a cura di Massimiliano Pelliccia